Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2020

Ritorni

Immagine
Quanto le potrà costare l'essere tornata, se in una settimana non riusciranno a vedersi più che un misero pomeriggio? come al solito sarà distante, irraggiungibile ... Eppure (questa volta lei non ha scuse) è tornata solo per lui ... per portarsi via gli ultimi sogni che gli sono rimasti ... quelli che lui pensava non contassero più nulla, tanto più per lei. Invece lei sarebbe venuta lì per impadronirsene definitivamente, con l'autorità di tutti quegli articoli, leggi, decreti e firme di carta ... che lui non riusciva neppure a decifrare e che non portavano in sé l'emozione che avevano quando ascoltavano questi brani insieme e, in risposta a "come ti sembra?", lei gli rispondeva con una carezza o un bacio ... come se le avesse detto "ti amo". Ed in effetti questo fece. Le disse che l’amava.Si sono impediti di dirselo a parole, glielo disse in musica. Sapeva che, prima o poi, lei avrebbe capito e si sarebbe ripresa ciò che è sempre stato suo. E' per…

Ottobre 2011

Immagine
Gli piaceva ricordare ottobre 2011 come il mese della loro apoteosi. L'aveva deificata in quell'autunno, oltre la collina. Muoversi con delicatezza tra i suoi giorni gli era parso più naturale che dovuto, per non ferirla con la sua stessa solitudine. La osservava mentre rigirava i pochi residui di abitudini e riti quotidiani che si portava appresso come un pezzo di famiglia, la sua lontana famiglia. Rispettava, quindi, le sue mancanze e per certi versi si faceva carico di proteggerla dal mondo. Era un grande amore indefinito, una cosa senza alcun criterio, una devozione gratuita e totale che non poteva che portare ad ulteriori illegittime mancanze. Era così impegnato nell'averla averla che, per lungo tempo, aveva ignorato l'eventualità che tutto fosse solo momentaneo; diede troppe cose per scontate. Poi, un sabato pomeriggio, immaginò che qualche foto, rubata all'ego di lei, non gli sarebbe bastata il giorno in cui se ne sarebbe andata (sensata consapevolezza o prevegge…

Un caso irrisolto

"Credete nel destino ... che anche i poteri del tempo possono essere alterati per un unico scopo ..." Voglio raccontarvi una storia che mi è stata raccontata, a sua volta, da uno dei due protagonisti, ovvero dal "maschietto" che conoscerete leggendo tra poco. Era una storia di un amore adolescenziale così intensa e profonda che mi ha fatto capire come cose vissute in tempi non sospetti, possano comunque riproporsi nel tempo a seguire, condizionando anche le nostre decisioni future. Così, col suo consenso ed asportando ogni riferimento a luoghi e persone, ho pensato di trascrivere questa storiella in questo blog e condividerla con voi. Un consiglio prima che iniziate a leggere: mai trascurare gli eventi vissuti in gioventù....

§§§

A luglio di quest'anno (2020) saranno trentotto anni da che questa storia ebbe inizio. A marzo di quest'anno, sono stati trentasette gli anni che questa storia ebbe, per così dire, una fine. La realtà è che non finì mai. Lui era un r…